Il presidente Donatella Perrella riceve la stella al merito sportivo dal vice sindaco di Campobasso CiminoVersione stampabile


immagine sinistra

CAMPOBASSO - La Stella al Merito Sportivo è un'onorificenza conferita dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano. L'onorificenza venne istituita il 20 dicembre 1933 per premiare "i Presidenti di Federazioni Sportive che più si siano distinte, durante un biennio, in affermazioni di carattere internazionale". (Foglio d'ordini del Partito Nazionale Fascista 20 dicembre 1933, n.117). L'assegnazione fu successivamente estesa anche a "Fascisti, corpi armati, Enti che abbiano svolto lodevole attività sportiva" (Foglio d'ordini del Partito Nazionale Fascista 24 giugno 1938, n.203). In seguito venne concessa per premiare atleti, tecnici, dirigenti e società che si fossero particolarmente distinti nel dare lustro allo sport italiano. L'onorificenza Stella al merito sportivo ha tre distinti gradi: d'oro, d'argento e di bronzo. Può essere concessa alla bandiera di un ente sportivo, a un dirigente o a personalità sportive straniere che abbiano contribuito alla diffusione dell'attività agonistica. Le condizioni necessarie per il conferimento dell'onorificenza sono le seguenti:
• Stella d'oro al Merito Sportivo
50 anni di attività per una società
30 anni di attività per un dirigente
• Stella d'argento al Merito Sportivo:
30 anni di attività per una società
20 anni di attività per un dirigente
• Stella di bronzo al Merito Sportivo:
20 anni di attività per una società
12 anni di attività per un dirigente
La Commissione Benemerenze Sportive propone annualmente l'assegnazione delle "Stelle al Merito Sportivo", nella quantità massima prevista dal regolamento:
• 120 d'oro (100 per i dirigenti e 20 per le società)
• 250 d'argento (200 per i dirigenti e 50 per le società)
• 500 di bronzo (400 per i dirigenti e 100 per le società)

 



16/11/2011

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Novembre  >>
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico