"Insieme per sognare, insieme per volare", potrebbe nascere anche in Molise l'osservatorio permanente sul sistema di integrazione alla pratica sportiva degli studenti disabiliVersione stampabile


immagine sinistra

CAMPOBASSO - Il Molise è una delle sette regioni d'Italia, Piemonte, Marche, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Liguria, dove è stato presentato, da parte del comitato regionale del Cip Liguria il progetto dell'osservatorio permanente sul sistema di integrazione alla pratica sportiva degli studenti disabili. Una delegazione ligure, guidata dal presidente Gaetano Cuozzo, ha visitato nei giorni scorsi la città di Campobasso e ha avuto un incontro ufficiale con il presidente del Cip Molise, Donatella Perrella, con il presidente del Coni Molise, Guido Cavaliere, e con il direttore generale dell'ufficio scolastico regionale, Fabio Iodice, il responsabile dell'educazione fisica dell'ufficio scolastico regionale, Giuseppe D'Elia. "Nessun bambino disabile deve rimanere fuori dall'attività sportiva scolastica!". Così ha esordito il presidente Gateano Cuozzo nella riunione tenuta presso la sede del Coni Molise a Campobasso. "L'osservatorio permanente sul sistema di integrazione alla pratica sportiva degli studenti disabili nasce per tentare di conoscere meglio il problema dell'integrazione degli alunni disabili per ciò che concerne l'attività motoria di base e per l'attività fisica in età più adulta. Allo stato attuale, e in base allo studio che abbiamo già attuato in Liguria, nel mondo scolastico non c'è la perfetta integrazione tra alunni normodotati e diversamente abili per ciò che concerne la pratica sportiva. In un Paese che si vuol definire civile - ha rimarcato Cuozzo - c'è necessità di abbattere queste barriere. La concessione dell'esonero dall'attività di educazione fisica non va niente altro che aumentare la discriminazione all'interno delle classi stesse. Bisogna fortemente combattere questo sistema rendendo accessibile, sotto ogni punto di vista, sia le strutture sportive sia la pratica stessa delle attività fisiche. C'è necessità di attivre una mirata campagna comunicativa e informativa affinché il messaggio racchiuso nell'osservatorio sia compreso da tutti, dirigenti scolastici, docenti, genitori e ragazzi". L'obiettivo primario dell'iniziativa è la diffusione dell'attività sportiva come strumento di inclusione e recupero psicofisico e sociale delle persone disabili. Lo sport è una attività importante poiché, all'interno del processo evolutivo dell'individuo, rappresenta un elemento fondamentale di emancipazione ed accrescimento personale. Obiettivo conseguente è quello di realizzare un collegamento e creare un circolo virtuoso tra scuola e lavoro per favorire la comunicazione, il confronto, la transazione verso il lavoro per soggetti disabili, soprattutto in ambito sportivo, l'individuazione di opportunità di lavoro e di nuove figure professionali. Per raggiungere questi obiettivi, il progetto di osservatorio permanente sul sistema di integrazione alla pratica sportiva degli studenti disabili si propone di raccogliere dati e informazioni utili per meglio comprendere l'evoluzione della situazione di integrazione alla pratica sportiva degli studenti disabili, promuovere nelle scuole lo sviluppo dell'attività fisica e motoria e della pratica sportiva per disabili, valorizzare capacità e potenzialità degli alunni disabili, promuovere la crescita dei soggetti e degli operatori attraverso studi e iniziative formative rivolte al personale di tutte le Istituzioni coinvolte nel progetto, mettere in relazione le diverse tipologie di dati per favorire l'individuazione delle opportunità che consentono agli allievi disabili di praticare attività sportive. Le proposte e le linee guida enunciate dalla delegazione del Cip Liguria ora saranno valutate a livello locale per calare il progetto sul territorio molisano. "Non nascondo che - ha concluso Cuozzo - l'osservatorio servirà anche come strumento per tentare di avvicinare ai singoli sport il maggior numero possibile di alunni disabili anche e soprattutto per creare un vivaio a livello nazionale da dove attingere per portare i migliori elementi ai massimi livelli nazionali ed internazionali, quali le Paralimpiadi e i Campionati del Mondo. Il Cip è speculare al Coni e tra i nostri compiti c'è quello di creare e scoprire campioni che possano dar lustro all'Italia in ogni singola competizione".



05/04/2011

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Novembre  >>
LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico